Perugia – Nuova Monteluce, Carbonari (M5S): “ecco la storia del Fondo immobiliare”

La consigliera regionale del M5S ha ricostruito la complessa vicenda del progetto immobiliare, promosso da Regione Umbria e Università di Perugia, sull’area dell’ex ospedale ‘Monteluce’ di Perugia (LEGGI IL DOCUMENTO). “I cittadini devono sapere chi giocò a Monopoli con i soldi pubblici. Tra l’altro alcune imprese umbre devono ancora essere pagate per i lavori svolti”

Di Maria Grazia Carbonari, consigliera Assemblea Legislativa dell’Umbria – M5S

Dopo tre anni di approfondimenti esce il mio “Dossier Monteluce”, la storia del faraonico progetto immobiliare-finanziario realizzato nell’area dell’ex ospedale di Perugia. Voluto dalle precedenti giunte e ancora oggi propagandato come un successo, si è rivelato una “Tela di Penelope” che ha intrappolato la Regione e l’Università.

La scorsa settimana in audizione i gestori del fondo e l’assessore Bartolini hanno risposto a molte domande e illustrato gli interventi per fronteggiare la gravissima situazione finanziaria.

Su questi vige obbligo di riservatezza per evitare speculazioni contro il Fondo a danno pubblico.

Tuttavia sul passato raccontato nei documenti pubblici non c’è segreto e ritengo che gli umbri debbano sapere chi furono quei politici che giocarono a Monopoli con i loro soldi, politici che a mio avviso dovrebbero rispondere di scelte che ora altri sono lasciati a tamponare e pagare.

Sono stata anche contattata da alcuni operatori umbri che hanno realizzato la costruzione di Monteluce. Da quasi un anno attenderebbero di incassare circa 3 milioni di euro crediti per i lavori svolti.

Una situazione gravissima con lavoratori da pagare, imposte da versare, cambiali e impegni di pagamento in scadenza. Il Fondo dovrebbe immediatamente liquidare queste imprese e artigiani prioritariamente rispetto alle banche.
Su questo disperato appello mi occuperò al più presto in Prima Commissione, chiedendo un intervento immediato.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.