Terni / Indagini su inquinamento, De Luca: “pieno sostegno alle parole del Procuratore Liguori”

L’esponente del M5S: “Terni ha bisogno di una nuova stagione delle Istituzioni”

Di Thomas De Luca, presidente Commissione Garanzia e Controllo – Comune di Terni

Come uomo delle istituzioni non posso non condividere in toto quanto affermato dal Procuratore capo Liguori. La politica deve ritornare ad assolvere le proprie responsabilità, dando le risposte che servono per la tutela dell’interesse pubblico.

La politica non può più essere sinonimo di rincorsa del consenso, nel sistematico retropensiero delle scadenze elettorali. Per troppi anni si è abdicato alla tutela dei soggetti più deboli protagonisti di questa vicenda, in primo luogo i bambini e tutti coloro che dovranno nascere negli anni a venire, nella cieca difesa degli interessi dei grandi produttori di rischio.

Politica e magistratura hanno ruoli distinti, essenziali per l’esistenza dello Stato di diritto. La commissione che presiedo è un organo politico che in alcun modo può assolvere,  sostituire od essere complementare all’attività di indagine degli organi giudiziari.

L’art.40 del Regolamento del Consiglio dispone che le relazioni della IV Commissione siano  riservate sino al voto della commissione e solo dopo l’approvazione del consiglio queste diventano un documento ufficiale dell’Ente. La diffusione pubblica dei contenuti della relazione è un atto dovuto, prima del dibattito consiliare, al fine di stimolare la discussione pubblica sull’argomento. Solo dopo l’approvazione dell’assise, la relazione può costituire un documento utile agli altri enti od organi dello Stato.

In merito alle presunte notizie di reato, contenuto della relazione, sento il bisogno di fare alcuni chiarimenti: i fatti oggetto della relazione sono noti alla procura di Terni almeno dall’ottobre 2015, data in cui ho provveduto a notiziarli in prima persona con esposto dettagliato, mentre a gennaio 2018 ho avuto cura di promuovere un sollecito diretto alla segreteria dello stesso Procuratore Liguori. Raccolgo e sostengo quindi l’invito ad una diversa etica della cosa pubblica.

A Terni serve una nuova stagione delle Istituzioni. Solo se ognuno nell’ambito della propria competenza e della propria responsabilità saprà agire equilibrando rigore e ragionevolezza potremo scrivere un futuro diverso per questa città.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.