Acciaierie, Nevi: “situazione preoccupante, il Governo faccia qualcosa”

L’onorevole di Forza Italia: “serve un nuovo patto con la multinazionale, come quello che fece il Governo Berlusconi, con l’aiuto di Tajani, nel 2004”

TERNI – “È ora che il Governo la smetta di occuparsi solo di crisi industriali, che tra l’altro non riesce a risolvere, e cominci a prestare attenzione a ciò che fanno le multinazionali straniere che gestiscono produzioni strategiche per il paese”. Così l’onorevole Raffaele Nevi (Forza Italia) commenta il piano industriale presentato dalla “Thyssen Krupp-Ast”.

“Tra queste – evidenzia Nevi – spicca la produzione di acciaio e in particolare quello inossidabile che viene prodotto a Terni. Le notizie che sono arrivate dai vertici della multinazionale durante l’incontro con i sindacati sono allarmanti e sollecitano un intervento deciso del Governo prima che sia troppo tardi.

Forza Italia ha sollecitato più volte la necessità di ridefinire un nuovo patto con la multinazionale affinché ci sia un programma di sviluppo, e non di declino, a fronte del quale lo Stato dovrebbe assicurare attenzione ai cosiddetti vantaggi competitivi riconoscendo la strategicita’ della produzione di inox per il nostro paese”.

“In sostanza – conclude il deputato forzista – si tratta di fare quello che nel 2004 fu fatto dal Governo Berlusconi con l’aiuto di Antonio Tajani dall’Europa, e poi farlo rispettare come successe all’epoca. Certamente per fare questo occorre un governo serio e autorevole”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.