Centro commerciale Noukria di Nocera Umbra, Carbonari (M5S): “intervenire contro la desertificazione”

“La Regione risponda alla nostra interrogazione. Serve l’intervento delle istituzioni”

di Maria Grazia Carbonari, consigliere regionale M5S – Regione Umbria

L’intricata storia del Centro commerciale Noukria di Nocera Umbra è la triste metafora degli assurdi paradossi del “Modello di ricostruzione Umbria” dopo oltre 20 anni dal tragico sisma del 1997 e nonostante centinaia di milioni di euro spesi come acqua nel deserto. 


Dopo tale evento sismico, per consentire la prosecuzione delle attività commerciali del centro storico di Nocera Umbra rese inagibili, fu concluso un accordo che prevedeva la creazione di un centro commerciale di natura provvisoria, posto sul terreno del Comune di Nocera Umbra e costruito a carico della Regione Umbria. 
Nel 1998 fu inaugurato il Centro Noukria e i vari locali furono assegnati in comodato ai titolari di tali attività commerciali in attesa che venissero completati i lavori di ricostruzione del centro storico. Ciò ha consentito non solo alle attività di sopravvivere, ma anche e soprattutto di garantire servizi indispensabili per evitare lo spopolamento.
Tuttavia i lunghi tempi di ricostruzione post-sisma del 1997 hanno determinato una progressiva desertificazione economica, turistica e commerciale dell’area nocerina, soprattutto nel centro storico. 

Nel 2009 la Regione Umbria (attraverso la partecipata RES, poi confluita in Sviluppumbria) avrebbe proposto ai commercianti del Noukria l’assegnazione definitiva di tali strutture. 
Inspiegabilmente, nel 2015, il Comune di Nocera Umbra intimava a queste persone l’abbandono dei locali, richiamando il contratto di comodato iniziale e ignorando tale proposta di assegnazione. 

Abbiamo allora presentato un’interrogazione in Regione per avere chiarimenti (LEGGI QUI) 

Da quasi due anni non ci è stata risposta, nonostante due solleciti della Presidente Porzi. 
Perché la Giunta non risponde, violando palesemente i termini di legge??? Un tale atteggiamento non fa che alimentare inquietanti sospetti…
Intanto nel Centro commerciale Noukria tutto rimane in una precaria incertezza, un’attesa che sta danneggiando commercianti e cittadini nocerini. 
La tenuta economica, occupazionale e sociale di Nocera Umbra è sempre più a rischio. Il minimo che si deve fare è dare risposte chiare e sincere, non solo riguardo al Centro Noukria, ma anche rispetto al futuro di Nocera Umbra.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.