Fondi per le periferie, Brega: “no divisioni politiche, sosteniamo i Sindaci”. Ferranti: “grazie”

Il consigliere regionale Eros Brega sollecita M5S e Lega ad impegnarsi affinchè vengano ripristinati i fondi statali destinati alla riqualificazioni delle periferie di Terni e Perugia. Apprezzamenti dal Comune di Terni che, tramite il presidente del consiglio comunale Francesco Ferranti, accoglie con favore la presa di posizione di Brega e invita tutte le forze politiche a rimanere unite per non perdere i finanziamenti

TERNI  – “L’Assemblea legislativa a larghissima maggioranza,  superando la logica delle appartenenze politiche, ha votato un atto importante che sollecita il Governo nazionale a ripristinare i finanziamenti dei bandi del ‘piano periferie’. È stato così raccolto il grido di allarme e l’appello lanciati dal sindaco di Terni, di cui sosteniamo la battaglia intrapresa per non perdere finanziamenti importanti per la città”. Così il consigliere regionale Eros Brega (PD) commenta il voto di ieri dell’Assemblea Legislativa dell’Umbria sulla mozione che chiede il ripristino dei fondi statali relativi al “Piano periferie” per le città di Perugia e Terni.

“Ho voluto sostenere il sindaco della mia città per evitare – aggiunge Brega –  che venisse lasciato solo da coloro i quali dovrebbero invece sostenerlo, sia da un punto di vista politico che istituzionale. E il largo consenso sul documento – conclude – dimostra che su una questione come questa, di rilievo strategico per la città di Terni, ma anche  per Perugia, non possono esserci questioni di appartenenza politica che ne impediscano o ne ostacolino la realizzazione”.

FERRANTI – L’Amministrazione Comunale di Terni commenta positivamente le parole di Brega.

“Intendo esprimere il mio apprezzamento per l’intervento del consigliere regionale Eros Brega che ha rammentato che il piano periferie fu votato unanimemente dall’assemblea legislativa dell’Umbria nell’ interesse di Terni e dei ternani”. Lo dichiara in una nota il presidente del consiglio comunale di Terni Francesco Maria Ferranti.

“Ora – prosegue Ferranti – né la regione né alcun esponente politico può fare finta di nulla davanti al rischio di perdere quelle risorse, fondamentali per la riqualificazione della nostra città, solo perché a governare Terni c’è una maggioranza di centro destra. Dopo l’ approvazione del bilancio stabilmente riequilibrato, porterò all’attenzione della conferenza dei presidenti questa tematica e insisterò affinché siano spronati la regione e il governo nazionale a sostenere un’esigenza strategica per un territorio seriamente in crisi”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.