Farmacie comunali, M5S: «basta spartizioni politiche»

Terni: De Luca (M5S) annuncia la presentazione di una delibera “Salva Farmacie”

di Thomas De Luca, Presidente commissione garanzia e controllo – Comune di Terni

Il M5S depositerà nelle prossime ore, una proposta di delibera sul futuro delle farmacie comunali. Il tema dei servizi pubblici e della gestione delle partecipate è centrale all’interno della nostra azione amministrativa, per un’opposizione costruttiva a tutela del patrimonio e degli interessi dei ternani. La delibera “Salva Farmacie” metterà in condizione, il sindaco e la sua giunta, di poter rispettare gli impegni presi: «Nessuno venderà niente, i ternani possono stare tranquilli» queste sono infatti le parole di Leonardo Latini a pochi giorni dal ballottaggio.

A distanza di un mese dall’insediamento del consiglio è necessario dare risposte concrete ai cittadini ternani. Se le uniche farmacie a non guadagnare sono le farmacie comunali di Terni, le ragioni vanno ricercate nelle scelte gestionali e nelle inadempienze della passata amministrazione comunale a partire dalla mancata applicazione dell’ultimo piano industriale. Farmacia Terni non è una società in crisi, è una società in grado di poter produrre, con il minimo sforzo, un milione di euro di utile all’anno. Utili che possono entrare a far parte del percorso di risanamento finanziario dell’Ente e che una volta completato, potranno sostenere la spesa sociale e i servizi alla persona. Una rete territoriale, uno strumento unico nelle mani dell’amministrazione per poter sostenere politiche di prevenzione migliorando la salute e la qualità della vita dei ternani. Come presidente della commissione garanzia e controllo vigilerò dettagliatamente sull’iter attraverso cui avverranno le nomine dei presidenti e dei consigli di amministrazione di Ternireti, ASM e Farmacia Terni. Ci sono delle procedure di legge ben precise che dovranno essere rispettate, dovrà essere avviata una procedura con avviso pubblico, a cui tutti coloro che avranno i requisiti di partecipazione potranno inviare i loro curricula. La comparazione tra i diversi profili, seppur nel perimetro della discrezionalità dell’organo politico, dovrà essere opportunamente motivata.

Trovo politicamente inaccettabile qualsiasi richiamo volto a far si che le scelte gestionali delle nostre municipalizzate, quindi la qualità dei servizi erogati ai cittadini ternani, possano ancora essere soggetti a logiche di spartizione politica o addirittura familistica.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.