Un grande parco giochi tra Terni, Narni e Orte: presentato il progetto per Leolandia Umbria

Il progetto è stato consegnato formalmente: il passo, decisivo, per la realizzazione di Leolandia Umbria, il grande parco giochi che dovrebbe sorgere nella zona di Nera Montoro – San Liberato, si è concretizzato dopo un semestre di duro lavoro degli staff tecnici, per rispondere alle procedure di Invitalia, l’agenzia governativa preposta allo sviluppo economico del territorio.

Ora tutto passa nelle mani dei tecnici del Ministero dello Sviluppo economico; massima attenzione anche da parte della Regione dell’Umbria oltreché del Comune di Narni: saranno loro a sostenere la richiesta per farla avanzare nell’iter che, come sempre in questi casi, non sarà facilissimo. Ma il dato è tratto, l’investimento ha preso forma concreta al di là delle prime intenzioni. E c’è grande fiducia in casa Leolandia Umbria.

È stato un lavoro lungo e complesso – spiegano proprio da Leolandia Umbria – in quanto le procedure di Invitalia sono molto dettagliate ed approfondite nella progettualità. Va dato però atto ai funzionari di Invitalia e dei funzionari della Regione Umbria che ci hanno dato un grande sostegno.

Dalle carte si evince allora che l’investimento sarà di oltre trentasei milioni di euro e prevede, una volta messo a regime, complessivamente duecentocinquanta posti di lavoro, oltre l’indotto; il parco sarà ispirato da quello lombardo che porta lo stesso nome, Leolandia, e che, lo certifica Tripadvisor, la società online che “contabilizza” sia le presenze che le preferenze dei luoghi di turismo, è al primo posto in Italia.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.