Gualdo, stranieri minacciano controllori su autobus, Marchetti (Lega): “Perché nessuno interviene?”

GUALDO TADINO – “Leggendo quanto sta accadendo quasi ogni giorno a bordo degli autobus che da Gualdo Tadino raggiungono Gubbio, anche se la situazione è ben diffusa in tutta l’Umbria, viene da chiedersi: chi è il vero “razzista”? E’ colui che cerca di far capire a questi stranieri che per viaggiare bisogna avere il biglietto e, quindi, rispettare le regole, oppure “razzista” nei confronti degli italiani che subiscono queste angherie è quella classe politica, vedi PD, che permette a questi stranieri di fare quello che vogliono a dispetto della legge?”.

L’intervento è di Riccardo Augusto Marchetti, candidato della Lega alla Camera per il collegio Umbria2 Altotevere-Foligno. “Non possiamo più sopportare tali atteggiamenti – prosegue – Se queste persone vogliono viaggiare sull’autobus e usufruire di un servizio, allora devono avere il biglietto come tutti gli altri. Non è possibile che i controllori e gli altri passeggeri debbano subire questa arroganza da parte chi viene ospitato a spese dei cittadini e invece di mostrare gratitudine e voglia di integrarsi mostra assoluta mancanza di rispetto delle regole del vivere civile. Leggiamo di provocazioni, insulti, minacce e speriamo che non si arrivi mai alle mani anche se la strada sembra essere quella. C’è solo una soluzione con queste persone e la metteremo in atto noi della Lega quando andremo al Governo dal 4 marzo: se non rispetti le regole te ne torni a casa tua. Semplice, ma efficace. Non possiamo più tollerare la prepotenza di chi pensa di comandare a casa nostra”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.