Crisi Novelli, Melasecche: “quali risultati ha prodotto l’attività del Sindaco presso Regione e Governo?”

Terni – Enrico Melasecche interroga il primo cittadino: “Di Girolamo riferisca in consiglio sulla situazione del Gruppo Novelli e sullo stato della vertenza”

Pubblichiamo il testo integrale dell’interrogazione urgente presentata dal consigliere comunale Enrico Melasecche al Sindaco di Terni

OGGETTO: “Crisi del Gruppo Novelli. A distanza di circa sette mesi dalla presentazione dell’ennesimo atto di indirizzo che sollecitava al sindaco un impegno costante, alla luce degli ulteriori accadimenti, si chiede allo stesso di rispondere in merito alla situazione ed ai risultati prodotti dal suo interessamento presso la Regione ed il Governo”

PREMESSO

– che in data 20 maggio 2017 il sottoscritto presentò l’atto di indirizzo allegato che fa parte integrante della presente interrogazione;

– che tale atto impegnava il sindaco a seguire in prima persona l’evolversi della vicenda in considerazione che quella impresa interessa direttamente molte famiglie anche la sede di Terni in cui insiste sia la direzione generale che alcune attività produttive;

TENUTO CONTO

– che si parla da tempo di finanziamenti conseguenti alla dichiarazione di Terni quale area di crisi complessa;

– che normalmente incentivare la creazione di nuove imprese, soprattutto se ad alta intensità di mano d’opera, comporta costi molto elevati e risultati tutt’altro che certi;

– che il Gruppo Novelli costituisce con i noti marchi ed i relativi settori produttivi una industria che ha già prestigio e quote di mercato per cui appare doveroso insistere con il governo affinché l’attività di accompagnamento verso l’uscita dalla crisi si concluda in modo positivo;

– che oltre trenta famiglie hanno visto a Terni estromettere di fatto impropri congiunti dal posto di lavoro per la incredibile ragione che hanno aderito ad uno sciopero a tutela del futuro dell’azienda;

– che lo stesso vice presidente della Regione Umbria aveva dichiarato il proprio impegno nella soluzione del problema;

– che la dichiarazione di fallimento della società Alimenti Italiani comporta ulteriori problemi ed interrogativi in ordine a quanto avvenuto durante la gestione commissariale, alle promesse fatte ed alle scelte effettuate nella assegnazione del gruppo Novelli fra i vari richiedenti, alla acquisizione di alcune attività del Gruppo Novelli da parte di società facenti capo al gruppo acquirente, alla mancata ricapitalizzazione della società che si presume abbia portato alla dichiarazione di fallimento della società Alimenti Italiani su istanza dei creditori;

– che l’atto di indirizzo chiedeva al sindaco di riferire mensilmente al consiglio sull’evolversi della situazione ed in particolare sul sostegno da parte di Comune e Regione alle giuste richieste di reintegro dei dipendenti posti in cassa integrazione;

SI CHIEDE AL SINDACO

 

di riferire con urgenza in consiglio sulla attività svolta, sui risultati dalla stessa prodotti e sulla situazione della vertenza in atto.

Enrico Melasecche, Lista civica “I love Terni”

Rispondi