Comune di Terni: “risanamento dei conti e redistribuzione del reddito”

La direzione comunale del PD di Terni traccia la linea per i prossimi mesi: riqualificare alcune aree periferiche della città, sfruttare le opportunità economiche dell’Area di Crisi Complessa, procedere alla vendita delle farmacie comunali e piano ATER

TERNI  –  Riceviamo e pubblichiamo – La Direzione comunale del PD di Terni, in un clima attento e partecipato, con molteplici contributi al dibattito, ha ritenuto positive tutte quelle iniziative poste in essere dall’Amministrazione Comunale, quali la firma del Piano Periferie con il Presidente Gentiloni prevista per domani, che interviene per riqualificare alcune aree della città  e il percorso dell’Area di Crisi Complessa attivato con la Regione dell’Umbria, volto a riqualificare il tessuto industriale ed a creare nuovi posti di lavoro ed ha chiesto in via prioritaria di consolidare e portare a termine gli altri investimenti strategici per la nostra città, in particolare la realizzazione del Palasport e gli interventi previsti in Agenda Urbana per la digitalizzazione del centro città.

In questo contesto, premesso che la ricognizione dei debiti fuori bilancio, in analogia con simili situazioni di altre amministrazioni pubbliche fa rilevare un quadro debitorio ereditato da gestioni precedenti, si è scelto di percorrere l’unica strada, con senso di responsabilità e trasparenza amministrativa, ovvero di ricorrere ad un piano pluriennale di riequilibrio finanziario così da mettere in sicurezza la situazione economica dell’ente.

Allo stesso tempo, proprio in ragione dei provvedimenti previsti nel piano, la Direzione Comunale ha chiesto di adottare con decisione e rapidità le misure previste nel piano di riequilibrio con particolare riferimento alla urgente pubblicazione del bando per la cessione, improcrastinabile, delle quote di Farmacie Terni, alla urgente definizione degli impegni assunti dall’ATER nell’ambito del patto per lo sviluppo e all’approvazione di tutti gli altri atti propedeutici per la realizzazione dello stesso.

Inoltre, consapevoli che tutto ciò sia necessario ma ancora non sufficiente, si ritiene di proseguire, da un lato l’azione di risanamento economico e finanziario anche attraverso un’eventuale intervento integrativo del piano attuale e dall’altro occorre sviluppare un lavoro teso a migliorare e diversificare le misure previsionali del prossimo bilancio con particolare riguardo, elemento per noi imprescindibile, a politiche di redistribuzione del reddito, socialità e crescita sostenibile.

La Direzione Comunale seguirà con attenzione e partecipazione questo percorso di tale caratura, certi di uno spirito unitario nel Partito e nel Gruppo Consiliare, perché solo con una efficace e forte azione di stimolo e slancio unitario verso l’amministrazione e la città si risponderà al meglio e in modo vero alle istanze dei cittadini.

Il Partito Democratico, infine, aprirà un confronto, in un rapporto di ascolto e proposta, con la cittadinanza attiva nelle sue molteplici e vive articolazioni e con quelle forze politiche che insieme a noi vorranno affrontare le sfide attuali e future di Terni.

Rispondi