Corradi assessore, Rifondazione all’attacco

Rifondazione Comunista critica la scelta del Sindaco: “Imperterriti, continuarono a segare il ramo sul quale erano seduti. Giunta asservita ad un apparato di interessi economici del tutto avverso agli interessi della comunità”

La nomina del nuovo assessore ai lavori pubblici del Comune di Terni conferma, ancora una volta, l’asservimento della giunta Di Girolamo ad un apparato di interessi politico ed economici del tutto avverso agli interessi della comunità.

La straordinarietà della fase attuale, avrebbe dovuto indurre un sindaco indagato per ipotesi di reato direttamente connesse al suo mandato, ad evitare di nominare assessore una figura in evidente conflitto di interessi.

Gli incarichi con Acea ed il ruolo diretto avuto dall’ing. Corradi nella vicenda delle autorizzazioni degli inceneritori di Maratta, sono, infatti, clamorosamente incompatibili con l’incarico di amministratore della cosa pubblica.

Ma l’attuale coalizione, chiusa nel vicolo cieco di una consiliatura debole con i forti e forte con i deboli, che assiste impassibile allo smembramento del territorio, al suo depauperamento e ridimensionamento economico, politico ed istituzionale, non salva più neanche le apparenze e non fa altro che acuire la questione morale che caratterizza ormai la nostra città.

Una questione morale che si aggiunge all’incapacità politica di rispondere alle esigenze della città e che va a sommarsi al fallimento di una amministrazione sommersa dai debiti, capace solo di privatizzare e svendere le proprie aziende partecipate e di tagliare i servizi pubblici.

Siamo di fronte ad un male cronico, che impedisce alla nostra città non solo di aprirsi a nuove possibilità di progresso, di emancipazione, di riscatto, ma anche di porre un freno al rovinoso declino degli ultimi anni.

Invece di nominare nuovi assessori e con le modalità che sono sotto gli occhi di tutti, sarebbe stato molto più dignitoso staccare la spina e consentire ai ternani, finalmente, di voltare pagina.

PARTITO della RIFONDAZIONE COMUNISTA
Federazione di TERNI

Rispondi