Ospedale di Terni, Lega Nord: “Chi amministra Città e Regione non è stato capace di dare un futuro all’azienda ospedaliera”

FIORINI: “PAZIENTI NEI CORRIDOI, TEMPI DI ATTESA INFINITI, NESSUNA INTEGRAZIONE CON IL TERRITORIO. DI QUESTI PROBLEMI NON SI PUO’ INCOLPARE IL NUOVO DIRETTORE GENERALE”

Riceviamo e pubblichiamo la nota del consigliere regionale leghista Emanuele Fiorini – Più volte negli ultimi mesi la Lega Nord Umbria ha alzato la voce e puntato il dito sul sistema sanitario umbro, anche quando la maggioranza Pd in Regione litigava per la poltrona di assessore alla sanità e si dimenticava di amministrare l’Umbria.

Durante questi mesi abbiamo segnalato nei tavoli di competenza le criticità dell’Azienda ospedaliera Santa Maria di Terni: liste di attese con tempi biblici, sovraffolamento dei reparti di degenza, la mai avvenuta integrazione con il territorio (vedi “Città della salute” – Ospedale Unico Narni e Amelia), la discrasia nel servizio sanitario regionale tra nord e sud.

La mancanza di personale, in relazione alle mutate esigenze del nosocomio, è diventata cronica, ma il PD, ancora una volta, non è attento ai problemi dell’ospedale e non mette al primo posto, come in realtà dovrebbe fare, la salute e la dignità del malato. Gli interventi effettuati sono serviti solo a rimodernare una struttura obsoleta, mentre i pazienti vengono spostati di reparto in reparto seguendo la disponibilità di posti letto e spesso finiscono sistemati nel corridoio. La mancanza di personale sanitario si riflette e amplifica, aumentando i tempi di attesa e di  ricovero che diventano inevitabilmente troppo lunghi.

Di questi problemi non si può incolpare il nuovo direttore generale, ma chi amministra una città e una regione da anni e non è stato capace  di risolvere criticità e programmare un futuro per l’Azienda ospedaliera S.Maria. La Lega Nord è pronta a battere i pugni se necessario, perchè la salute è un bene da difendere e un diritto da sostenere.

Emanuele Fiorini – Capogruppo Lega Nord Umbria

Rispondi