Terremoto Umbria, Lega Nord: “riconoscere i danni indiretti e ridurre IMU e TASI”

I consiglieri regionali leghisti invitano la regione Umbria a riconoscere il danno indiretto da sisma e sollecitano la riduzione delle tasse di competenza comunale

Riceviamo e pubblichiamo la nota dei consiglieri Valerio Mancini ed Emanuele Fiorini – Il calo delle presenze e delle prenotazioni che sta interessando il settore turistico dell’intera Regione a causa dei drammatici eventi sismici dei mesi scorsi ha assunto dimensioni preoccupanti. Nelle ultime settimane si stanno moltiplicando le prese di posizione e le iniziative volte a sostenere il settore turistico, ma le dichiarazioni di intenti non bastano più. Occorre riconoscere il “danno indiretto da Sisma” e  individuare risorse a vantaggio delle imprese esterne al cratere. Alcuni interventi, come la determinazione delle aliquote relative all’IMU e alla TASI o la sospensione della “Tassa di Soggiorno”, competono direttamente alle Amministrazioni comunali che, anche a causa dei pesanti  tagli ai trasferimenti statali che hanno interessato gli Enti Locali negli ultimi anni , non sarebbero in grado di sostenere interventi consistenti e straordinari di riduzione di tasse e tariffe senza un intervento di compensazione. Per questo abbiamo depositato una mozione con la quale abbiamo chiesto alla Regione due impegni precisi: intensificare in tutte le sedi e a tutti i livelli il processo di coordinamento e potenziamento delle azioni di informazione e  promozione turistica, sia sul mercato nazionale che internazionale, anche attraverso la richiesta a livello nazionale di risorse e di interventi specifici; agire in tutte le sedi, ed in particolare, all’interno della Conferenza Stato Regioni per richiedere al Governo atti concreti per il riconoscimento in sede del “danno indiretto da Sisma” e, conseguentemente, l’attivazione di misure concrete a favore delle strutture ricettive presenti sul territorio regionale anche attraverso la creazione di un fondo destinato a compensare il minor gettito per le Amministrazioni comunali che prevedranno per il 2017 la riduzione delle aliquote IMU e TASI a favore delle strutture ricettive presenti sul proprio territorio e/o la sospensione o riduzione della Tassa di Soggiorno. Analogo atto sarà presentato in sede parlamentare come emendamento al decreto Terremoto.

Rispondi