Ospedale di Narni, Bruschini: “Dopo la farsa dello sciopero della fame, dubbi sulla sicurezza”

“Le strutture portanti del nosocomio narnese presentano evidenti segni di usura. Chi garantisce la sicurezza dopo gli eventi sismici degli ultimi mesi?” 

Riceviamo e pubblichiamo l’interrogazione del consigliere Sergio Bruschini  – Dopo la farsa dello sciopero della fame dell’assessore Mercuri, c’è  stata la solita commedia degli inganni, delle promesse, a tutta la giunta in pellegrinaggio presso la regione.
La presidentessa non sia mai che venga a Narni in consiglio, a spiegare alla città, del perché la sanità in questi luoghi segna il passo. Sul nuovo ospedale siamo di nuovo nella palude. Sull’ospedale esistente pure. Quindi promesse da marinaio, una nuova presa in giro.
A questo voglio aggiungere oggi un motivo di riflessione, se non di preoccupazione in più.
La stessa struttura muraria in cemento, dimostra da tempo segni di usura. A nessuno sfugge che il nostro territorio è stato sottoposto a notevoli stress sismici.
Non so che tipo di controlli e se sono stati richiesti e effettuati dalla ASL e dai chi ha responsabilità, fatto sta che vedere una colonna portante con evidenti segni deterioramento, qualche preoccupazione non può non causarla.
Probabilmente sarà tutto a posto? Tutto sicuro e certificato da esperti e da chi se ne assume la responsabilità?
Ce lo auguriamo e anzi sarà sicuramente così. Ma di certo, vedere questa fatiscenza, non ci fa stare sereni.

Sergio Bruschini, capogruppo  FORZA ITALIA

COMUNE DI NARNI

Rispondi