Inceneritore Vercelli, per l’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta i tumori sono colpa degli agricoltori

Lunedì 30 gennaio il Movimento 5 Stelle organizza una conferenza stampa in Piazza Alciati a Vercelli

VERCELLI – Da M5S Piemonte – Gli organi d’informazione sono invitati alla conferenza stampa di lunedì 30 gennaio, alle ore 14,30, in Piazza Alciati a Vercelli (VC), sul tema “Inceneritore e tumori, vogliamo la verità”.

Intervengono: Alberto Zolezzi, deputato M5S componente della Commissione parlamentare d’inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti; Mirko Busto, deputato M5S; Gianpaolo Andrissi, consigliere regionale M5S Piemonte; Giorgio Bertola, consigliere regionale M5S Piemonte e Michelangelo Catricalà, consigliere comunale M5S Vercelli.

E’ inaccettabile che l’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta continui a dare la colpa agli agricoltori della zona per l’insorgenza di patologie tumorali (polmone e colon). Ben due documenti redatti dai tecnici di ARPA Piemonte evidenziano il contrario, ovvero la correlazione tra inceneritore di Vercelli e diffusione di tumori in questa zona. In Consiglio regionale abbiamo chiesto spiegazioni sul “tavolo tecnico” avviato dalla Regione scoprendo come quest’ultimo si sia riunito appena un paio di volte partorendo un documento senza la benché minima evidenza scientifica. Secondo il “tavolo”, come riferito da Saitta, i tumori sarebbero da attribuire all’uso di fitofarmaci in agricoltura e alla pratica dell’abbruciamento delle stoppie. Una spiegazione non supportata da alcuno studio scientifico. Siamo sempre più convinti che stiamo assistendo ad una delle più grandi operazioni di insabbiamento della verità mai avvenute nella nostra Regione.

In occasione della conferenza stampa illustreremo le contromosse del Movimento 5 Stelle, a tutti i livelli, a tutela della verità e della salute dei cittadini di Vercelli.

Be the first to comment on "Inceneritore Vercelli, per l’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta i tumori sono colpa degli agricoltori"

Rispondi