Terni, indagini sul Sindaco per mancato ripristino dello stato dei luoghi: “Massima trasparenza”

Il primo cittadino ternano rende noto di aver ricevuto la notifica dalla Procura di Terni: “l’Autorità Giudiziaria chiede altri 6 mesi per poter indagare. Non sono a conoscenza di ulteriori dettagli ma sono convinto che dalle indagini emergerà la correttezza del nostro operato”

TERNI – “Sempre nell’ottica di un rapporto di massima trasparenza con la comunità di cui sono sindaco, rendo noto che mi è stato notificato l’avviso di richiesta di proroga del termine per il compimento delle indagini preliminari relativamente alla ipotesi di reato dell’art. 452 terdecies cp iscritto nel registro delle notizie di reato il 27 aprile 2016”. Lo annuncia il sindaco di Terni, Leopoldo Di Girolamo, con una nota pubblicata sul sito dell’Ente.

“Si tratterebbe – precisa il sindaco – di una ipotesi di mancata bonifica o ripristino di stato dei luoghi. Non posso essere più preciso in quanto non sono a conoscenza di nessun altro elemento e sono nella impossibilità formale e sostanziale di  dettagliare ulteriormente la fattispecie  legale, anche in ordine ai fatti materiali a cui si possa fare riferimento. Come già fatto ieri ribadisco serenità, convinto che la correttezza del mio operato e di quella dell’Amministrazione emergeranno con nettezza”.

Rispondi