“Governo e De Rebotti (ANCI Umbria) pensano a sistemare gli immigrati. Prima le famiglie italiane”

La Lega Nord Umbria, attraverso il consigliere regionale Emanuele Fiorini, critica le politiche del governo e del sindaco di Narni, presidente ANCI Umbria, finalizzate a dare soldi e incentivi ai comuni che ospitano i profughi e sanzioni per chi si rifiuta

Da Emanuele Fiorini*

In un momento come quello attuale, dove ci sono famiglie umbre in piena crisi economica, la principale preoccupazione del Governo e del presidente Anci Umbria, nonché sindaco di Narni, Francesco De Rebotti, sembra quella di trovare una sistemazione per gli immigrati che, sempre più spesso e sempre più numerosi, vengono condotti in Umbria. Nella nostra regione ci sono cittadini ridotti a dormire nelle auto perché non hanno un posto dove andare, ci sono giovani senza lavoro, famiglie che si rivolgono alla Caritas per un pasto caldo o dei vestiti. E come se non bastasse, per colpa delle politiche Pd, non riusciamo a far fronte alle necessità degli sfollati del terremoto che in questi giorni stanno facendo i conti con il freddo e la neve. Reputiamo vergognoso stabilire “premi” ai Comuni che ospitano immigrati e “sanzioni” per quelli che non lo fanno (ma che dovranno adeguarsi comunque, come ricordato dallo stesso De Rebotti qualche giorno fa alla stampa), quando sono le famiglie umbre ad aver bisogno di ospitalità e attenzione da parte delle istituzioni. Tuttavia, non c’è nessun premio, nessuna sanzione per i Comuni quando si tratta di incentivare aiuti ai cittadini umbri in difficoltà. A quanto ci risulta, tra l’altro, la nostra regione accoglie già un numero di immigrati maggiore rispetto a quanto previsto dal Viminale e, nonostante questo,gli “ospiti” continuano a crescere mese dopo mese. Non ci vengano a raccontare, poi, del cuore grande del Partito Democratico. Ormai hanno capito tutti che l’immigrazione, per il centrosinistra e le cooperative amiche, rappresenta soltanto un business. Senza contare, infine, i numerosi episodi di criminalità ai quali i cittadini umbri sono quotidianamente sottoposti. Accattonaggio, furti, parcheggiatori abusivi nel ternano, mentre nel perugino ci hanno segnalato l’ennesimo caso di un ragazzo aggredito e preso a pugni ieri notte da un gruppo di extracomunitari all’uscita di un locale.

*Capogruppo Lega Nord – Regione Umbria

Rispondi