Terni, al circolo “Il Drago” Italeaf organizza una giornata di formazione d’impresa

Il 24 gennaio una giornata di formazione curata da Italeaf e Altis per le migliori startup green e social. Evento aperto alla partecipazione del territorio: iscrizioni gratuite per startupper, innovatori, studenti e giovani imprenditori dell’Umbria e dell’Italia centrale

I protagonisti principali saranno i team che hanno presentato progetti nell’ambito della call dell’edizione 2017 dell’Italian Round di Global Social Venture Competition (GSVC), il premio internazionale ideato dall’Università di Berkeley (California) per favorire e sviluppare idee imprenditoriali a forte rilevanza sociale e impatto ambientale. E insieme a loro ci sarà la possibilità per manager, imprenditori, fondatori di startup innovative, spin off universitari, innovatori, ideatori di nuove iniziative imprenditoriali di entrare in contatto con il network Italeaf e di ottenere gratuitamente una sessione di formazione intensiva su business modeling, misurazione dell’impatto sociale di un’impresa e primi elementi di business planning.

Per un giorno, il prossimo mercoledì 24 gennaio 2016, il salone del Circolo “Il Drago” di Terni sarà un centro di attrazione per gli ambasciatori di un nuovo Made in Italy, sostenibile e sociale, che parteciperanno alla giornata di formazione d’impresa organizzata da Italeaf, holding di partecipazione e primo company builder italiano e da Altis, Alta Scuola Impresa e Società dell’Università’ Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

La full immersion formativa, che coinvolgerà una decina di team di startupper provenienti da tutta Italia è stata organizzata nell’ambito dell’accordo di partnership per l’organizzazione del round italiano del premio internazionale ideato dall’Università di Berkeley (California) per favorire e sviluppare idee imprenditoriali a forte rilevanza sociale e impatto ambientale. In particolare, Italeaf è tra i main sponsor dell’iniziativa di cui Altis è capofila, con la collaborazione del gruppo Intesa Sanpaolo (attraverso l’Intesa Sanpaolo Start-Up Initiative), di Rancilio Cube e dell’Associazione ProSpera. GSVC è un concorso internazionale che mira a favorire la nascita e lo sviluppo di nuove imprese in grado di coniugare sostenibilità finanziaria e un rilevante impatto sociale e/o ambientale. Per questo, nel corso della competizione sono previste attività di formazione e mentoring al fine di supportare i team nella redazione del business plan, nonché un momento finale in cui e mettere in contatto i giovani imprenditori con potenziali investitori che possano accompagnare e far crescere le nuove imprese.

La giornata di formazione sarà completamente gratuita per i partecipanti (iscrizioni tramite email a redazione@italeaf.com), nell’ambito dei servizi di animazione imprenditoriale proposti da Italeaf e sarà suddivisa in due sessioni:

Ore 9.30-12: Disegnare il business: il Business Model Canvas

Ore 12.00-13.00: Pianificare il business: il Business Plan

Ore 13-14: Pausa pranzo

Ore 14-17.30: Misurare e valutare l’impatto sociale: il Social Impact Assessment

Nelle prossime settimane verranno selezionate le migliori startup che parteciperanno ai due eventi finali. A Milano, si terrà la presentazione delle migliori idee ad una platea di investitori istituzionali, a Terni verrà consegnato il premio per la migliore idea dell’area “Green and Circular Economy” e verranno presentate le due idee che rappresenteranno l’Italia a Berkeley (Italeaf sostiene gli ambasciatori delle idee sostenibili italiane nel mondo).

Alla migliore impresa finalista che opera nelle aree “Green” o “Circular Economy” verrà offerto da Italeaf un anno di incubazione e consulenza per il business development presso le strutture di Terni e Nera Montoro nel comune di Narni.

Dalla sua prima edizione, nel 1999, ad oggi GSVC si è affermato come l’unico tra i concorsi per Business Plan a focalizzare l’attenzione nel campo dell’imprenditoria sociale o ad impatto ambientale, oggi come non mai oggetto di crescente interesse nella prospettiva globale di uno sviluppo economico sostenibile.

Rispondi