Province abolite per finta, Rosati (SEL Orvieto): “Hanno tolto soltanto il diritto di voto ai cittadini, non vado a votare”

Il giovane consigliere comunale di Orvieto si rifiuta di partecipare alle votazioni per la scelta del presidente e del consiglio provinciale di Terni, che deve essere eletto dai consiglieri comunali e dai sindaci della provincia, dando prova di grande coerenza e coraggio contro le politiche truffaldine e mistificatrici degli ultimi anni. Chapeau!!

Pubblichiamo la nota del consigliere comunale di Orvieto Tiziano Rosati

Cosa accade oggi? Sarà eletto il nuovo Consiglio Provinciale;
Cosa cambia rispetto a qualche anno fa?
Il voto sarà esercitato soltanto da consiglieri comunali e da Sindaci, non più da tutti i cittadini;
Anche i voti dei consiglieri non valgono tutti allo stesso modo, infatti il voto vale proporzionalmente alla grandezza del tuo Comune.
In più, prevedendo l’abolizione di questo Ente (la Provincia), hanno interrotto i trasferimenti statali, lasciandogli però diverse competenze (scuole, strade, etc).
Accade anche che la durata del Consiglio Provinciale (2 anni) non è la stessa di quella del Presidente (4 anni) creando ulteriore caos.
Tutto questo è stato fatto nel segno dei “tagli ai costi della politica” e del “aboliamo le province”.
Siccome sono convinto dell’inutilità di un Ente come quello della Provincia e considerato che non condivido queste modalità “democratiche” per l’elezione, oggi preferisco rimanere a casa e non continuare ad alimentare un sistema fuori logica. Buona Domenica.

Rispondi