Spoleto, prosegue l’attività dei comitati per il SI al referendum. Venerdì incontro per i giovani al Cantiere Oberdan

Nel fine settimana sarà aperto anche il gazebo in Piazza Garibaldi

Stanno riscuotendo molto interesse da parte dei cittadini gli appuntamenti dei comitati spoletini per il SI al Referendum costituzionale. Venerdì scorso, al consueto mercato del venerdì in via Cacciatori delle Alpi, molta gente si è fermata a parlare con la parlamentare umbra Anna Ascani, che insieme ad alcuni consiglieri del PD, hanno accolto l’invito dei comitati ad aderire all’evento della “passeggiata per il SI” per parlare con cittadini ed alcuni rappresentanti dei commercianti locali, fra cui esponenti delle associazioni di categoria come la Confesercenti, Conspoleto e Ascom.
Al centro della discussione non solo i benefici derivanti da una eventuale vittoria del SI al referendum costituzionale del 04 dicembre prossimo, ma anche la più contingente e preoccupante attuale situazione di emergenza che sta vivendo la città di Spoleto a causa dei recenti eventi sismici nel centro Italia. La presenza della parlamentare umbra fra cittadini e commercianti spoletini è stata molto apprezzata soprattutto in un momento in cui Spoleto si sente isolata non solo geograficamente ma anche politicamente
 
Lo stesso successo di partecipazione e interesse dei cittadini si è registrato nel weekend, dove al gazebo dei comitati per il SI in molti si sono avvicinati per dare sostegno alla spinta riformatrice che vuole dopo tanti anni cancellare gerontocrazie costituzionali come il bicameralismo perfetto, i senatori a vita e la sovrapposizione di poteri tra Stato e regioni.
 
I comitati per il SI danno appuntamento al weekend prossimo sempre al gazebo in piazza Garibaldi, ma soprattutto invitano i giovani ad un importante evento dedicato a loro che si terrà venerdì sera ore 21:00 presso il Cantiere Oberdan per discutere, attraverso tavoli tematici, sulla Riforma e conoscere le prospettive sul futuro del Paese e della città in caso di approvazione della riforma costituzionale.

Rispondi