Narni, Bruschini: «Il sindaco e il suo codazzo osannano l’arrivo della Marini per l’inaugurazione delle Gole del Nera»

Il consigliere di Forza Italia commenta l’inaugurazione del percorso ciclo-pedonale. «Il primo cittadino narnese – dice l’esponente forzista – invita la governatrice solo per i tagli dei nastri, ma non l’ha fatta venire in consiglio comunale per discutere della situazione dell’ospedale di Narni. Ma il sindaco non si vergogna?»

NARNI – Riceviamo e pubblichiamo la nota del consigliere Sergio Bruschini: Taglio nastri, chiusure e fregature senza vergogna. Se mi freghi una volta devi vergognarti tu, ma se mi freghi due volte devo vergognarmi io.

Inizio questa mia breve riflessione con questo aforisma in quanto interpreta bene la sensazione che ho provato questa mattina alla vista delle foto opportunity del sindaco e della Marini al taglio del nastro del nuovo percorso delle gole del nera.

Qui non è in discussione il valore di un opera, peraltro messa in cantiere da diverse amministrazioni e sindaci e realizzata con la quasi totalità di finanziamenti della tanto matrigna Europa.

Un valore ed una ricchezza per Narni e diciamo per tutta la regione e perché no l’Italia. Speriamo ora che questa solerte amministrazione sappia mantenerne il decoro e l’utilizzo.

Fatta questa precisazione, è passata la festa che non abbiamo voluto per senso di responsabilità rovinare con striscioni e cartelli contro la regione e la Marini sulla nostra sanità e i servizi chiusi, l’indignazione prende il sopravvento nel vedere la PRESIDENTESSA arrivare a NARNI e per di più osannata dal sindaco e dal suo codazzo.

Si quella stessa persona che appena qualche tempo fa chiuse il punto nascita, che sta riducendo gli ospedali esistenti a poco più che ambulatori

Chissà perché visto che ai tagli dei nastri non si fa pregare a partecipare non è mai venuta a presenziare un consiglio, ove la città le avrebbe chiesto di rendere conto della chiusura di servizi e delle prese in giro sul nuovo ospedale?

In questo caso il sindaco si è ben guardato dall’invitarla, è andato lui nelle segrete stanze a trattare…..

Un vero presidente va nei territori a tagliare anche nastri certo,ma anche quando deve assumersi le responsabilità di …chiusure di servizi…e a spiegare parlare argomentare con i cittadini.

Indignato anche nei confronti del sindaco che dovrebbe difendere non una persona del suo partito ma una città e invece si “spertica”in osanna da chi lo ha fregato.

Ed allora ecco l’aforisma calzare a pennello: Se mi freghi una volta devi vergognarti tu, ma se mi freghi due volte devo vergognarmi io.

Sindaco lei non si vergogna!?

Allora era forse d’accordo quando la Presidentessa chiudeva il punto nascita e ci irrideva sulle magnificenti sorte del nuovo ospedale. Spero che i cittadini narnesi non dimentichino .

Questo articolo ..politicamente scorretto …forse non verrà pubblicato, visto mai che gli osanna subiscano un contraccolpo ma almeno avrò fatto pace con la mia coscienza di non lasciarmi di nuovo “fregare” una seconda volta

Sergio Bruschini

Capogruppo Forza Italia 

 

Rispondi