Terremoto, TerniEnergia donerà sistemi Geoguard per la prevenzione del rischio sismico delle infrastrutture critiche

200 sistemi di monitoraggio saranno consegnati alla regione Umbria: lo ha annunciato oggi il presidente Stefano Neri all’assessore allo sviluppo economico Fabio Paparelli, in occasione della presentazione del nuovo piano industriale della società in Borsa a Milano

TerniEnergia donerà alla Regione Umbria 200 sistemi Geoguard, sviluppati dal Consorzio Proteco, per la prevenzione del rischio sismico delle infrastrutture critiche, a seguito del terremoto che ha investito il centro Italia. Nell’ambito dell’attività di corporate social responsibility messa in campo dalla società di Nera Montoro, è prevista la creazione di un centro di ricerca e sviluppo in Umbria sulla sicurezza delle infrastrutture critiche, la prevenzione dei rischi naturali e il loro controllo.
Lo ha annunciato stamane a Milano durante l’evento “Smarter solutions for tomorrow” il presidente di TerniEnergia Stefano Neri, comunicando la decisione all’assessore allo sviluppo economico della Regione Umbria, Fabio Paparelli, presente al workshop.

Il sistema Geoguard fornisce misure precise e continue dei movimenti e delle deformazioni delle infrastrutture e per prevenire i pericoli e ridurre i rischi, in particolare nei seguenti ambiti:

  • Trasporti, come ad esempio ponti, aeroporti, porti e ferrovie;
  • Distribuzione dell’acqua, come ad esempio serbatoi per l’acqua e condotte;
  • Infrastrutture di telecomunicazione, come i sostegni per la trasmissione di dati, comunicazioni cellulari e diffusione radiotelevisiva;
  • Difesa, come sistemi ed infrastrutture per trasmissioni radio e radar;
  • Energia, quali dighe per centrali idroelettriche, tralicci dell’alta tensione, impianti eolici;
  • Trasporto e stoccaggio di idrocarburi;
  • Patrimonio culturale e stadi;
  • subsidenza o sollevamento del terreno a causa di fenomeni naturali o a causa di attività produttive come la produzione o lo stoccaggio di idrocarburi;
  • movimenti franosi;
  • inondazioni;
  • eventi meteorologici estremi.

GeoGuard comprende sia attività che sistemi, progettati per lo sviluppo di soluzioni su misura in diversi scenari applicativi, per il posizionamento di precisione con un’accuratezza del centimetro in tempo quasi reale, e del millimetro per monitoraggi giornalieri o sub-giornalieri.

In particolare, GeoGuard comprende:

  • l’attività preliminare di ispezione del sito da monitorare, al fine di progettare la soluzione più adatta alle singole esigenze;
  • l’installazione della rete di sensori, composta dalle unità di monitoraggio GeoGuard, configurate in base alle caratteristiche del sito;
  • la connessione tra la rete di sensori e il GeoGuard Cloud per il trasferimento dei dati;
  • il GeoGuard Cloud per  la raccolta dei dati acquisiti attraverso la rete di sensori e la loro elaborazione.  I dati di posizionamento così calcolati, unitamente alle altre informazioni di carattere gestionale, vengono resi disponibili al cliente;
  • il servizio di help desk on line, per fornire assistenza al cliente;
  • i servizi professionali per progettare, realizzare e gestire soluzioni personalizzate per rispondere alle specifiche esigenze del cliente.

Rispondi