Terni – Bando mense, Trenta (M5S): “Nessuna partecipazione, ci dissociamo dalle dichiarazioni dell’assessore Piacenti”

Polemiche sul capitolato per i servizi di refezione scolastica. Il M5S attacca: “Una sola seduta della Commissione consiliare preposta non può definirsi partecipazione. Il lavoro è appena iniziato, perciò il Presidente convochi nuovamente un’altra seduta della II Commissione per la prossima settimana”

Riceviamo e pubblichiamo la nota inviata da Angelica Trenta all’assessore Piacenti, alla dirigente del Comune di Terni, Danila Virili, al Capogruppo del PD Cavicchioli, al presidente della commissione Vigilanza e Controllo, Pasculli, e al presidente del Co.sec.

La sottoscritta, Angelica Trenta, consigliere comunale del Movimento 5 Stelle, in qualità di vicepresidente della II commissione consiliare,

DICHIARA

di dissociarsi dalle dichiarazioni dell’assessore Piacenti d’Ubaldi che, durante i lavori della seduta di seconda commissione consiliare del 20 ottobre – la quale verteva per la prima volta sulla discussione di una bozza del capitolato sui servizi di refezione scolastica (consegnata ai commissari meno delle 48 ore previste da Regolamento, previste rispetto alla discussione) comprensiva dell’audizione dell’assessore Piacenti e della dirigente Virili – ha dichiarato che il processo partecipativo sulla refezione scolastica nella commissione preposta poteva considerarsi chiuso con quell’unica seduta.

Ricordo al Presidente della Commissione II non soltanto la piena autonomia della II commissione consiliare i cui lavori non possono che essere organizzati e decisi dagli stessi membri, e in primis dal Presidente che ne garantisce le funzioni ma anche gli impegni presi dallo stesso Presidente a nome della II commissione consiliare con il comitato Co.sec per la partecipazione al processo di elaborazione del capitolato.

Dal mio punto di vista di Vicepresidente, ritengo che con una sola seduta commissione consiliare in cui si è a malapena riusciti ad audire gli ospiti presenti, non si possa certo considerare “chiusa” la questione del confronto sul servizio di refezione scolastica, tematica che rientra pienamente nelle competenze della II commissione consiliare; a tal proposito invito il Presidente della II commissione a non venir meno alle sue prerogative convocando la commissione come di norma per il prossimo giovedì 27 o di anticiparla, come preferisce, al fine di completare i lavori appena iniziati di confronto sul capitolato e sul bando, mantenendo fede agli impegni presi con il Comitato Co.sec il cui legale ha prodotto anche diffida nei confronti dell’amministrazione qualora fosse stato escluso dal partecipare ai lavori di elaborazione e confronto su questo tema.

Ricordo altresì come né la dirigente Virili né l’assessore Piacenti abbiano prodotto e fornito alcuna documentazione relativamente al tema in oggetto: non una relazione sul servizio di refezione come finora svoltosi, non un’analisi a supporto della scelta di concessione dei servizi (che andrebbe nelle intenzioni della giunta e della dirigenza a sostituire la modalità di gestione diretta e indiretta tramite esternalizzazione finora avuta): modalità di gestione che, chiederò un parere in merito da parte del Segretario generale, ritengo come da Tuel debba essere votata in Consiglio separatamente e in precedenza rispetto al voto sul potenziale bando inerente la refezione scolastica.

Penso inoltre che anche la gravosa questione relativa alle documentate violazioni riscontrate nel servizio mensa, emerse solo grazie ad accessi agli atti dei consiglieri e non debitamente sanzionate dall’Ente e sulla quale, durante la seduta di ieri, sia l’assessore Piacenti che la dirigente Virili hanno risposto a mio avviso in modo parziale, evasivo e insoddisfacente, non fornendo in merito informazioni e chiarimenti ai commissari che le richiedevano, non possa essere “liquidata” senza spiegazione e approfondimenti da parte degli amministratori preposti prima che la proposta di delibera sul nuovo eventuale bando venga votato in Consiglio.

Sollecito dunque il Presidente a convocare per la prossima settimana una seduta di II commissione per continuare il lavoro appena iniziato di confronto sul capitolato della refezione scolastica e sul servizio mensa comunale procedendo all’invito dei soggetti con i quali codesta commissione e il Consiglio si era formalmente impegnata e dissociandomi preventivamente da qualsivoglia decisione di esclusione in tal senso non potendosi considerare, a mio parere, l’invito inoltrato dalla segretria di comissione solo il 20 mattina per le ore 15 dello stesso pomeriggio, senza alcun preavviso e senza alcuna documentazione fornita, quale disimpegno nei confronti del Comitato stesso.

Il vicepresidente della II commissione consiliare
Angelica Trenta

Be the first to comment on "Terni – Bando mense, Trenta (M5S): “Nessuna partecipazione, ci dissociamo dalle dichiarazioni dell’assessore Piacenti”"

Rispondi