Fini e i presunti rapporti con la escort Lucia Rizzo: era tutto falso. Chiesta condanna per Belpietro e altri 3

La procura di Roma ha chiesto anche la condanna della stessa escort Lucia Rizzo, del suo agente, Federico Di Vincenzo, e del giornalista Andrea Zambrano. Gianfranco Fini, tramite l’avvocato Francesco Compagna, ha chiesto un milione di euro di risarcimento danni, in solido, a tutti gli imputati

ROMA – Quattro mesi di reclusione per aver diffamato l’ex presidente della Camera, Gianfranco Fini. E’ la richiesta di condanna avanzata dalla procura di Roma nei confronti di Maurizio Belpietro, del giornalista Andrea Zambrano, di Lucia Rizzo e di Federico Di Vincenzo. I fatti risalgono al periodo compreso tra il 2009 e il 2012, quando furono diffuse false notizie su un presunto incontro sessuale tra Fini e la escort Rizzo. Secondo la versione dell’accusa, Rizzo e il suo agente, Federico Di Vincenzo, realizzarono una video-intervista in cui la donna faceva riferimento ad alcuni incontri sessuali a pagamento con Fini, che ha poi denunciato la vicenda. L’ex presidente della Camera, costituitosi parte civile attraverso il suo legale, l’avvocato Francesco Compagna, ha chiesto agli imputati un risarcimento danni di un milione di euro in solido. La decisione in merito al procedimento sarà presa, il prossimo mese di ottobre, dal giudice monocratico del tribunale di piazzale Clodio. (omniroma.it)

Rispondi