Acciaierie di Terni: Bizzotto (Lega Nord) presenta interrogazione su costi energetici e mercato cinese

L’europarlamentare Mara Bizzotto ha depositato un’interrogazione presso la Commissione Europea per tutelare i poli siderurgici europei e quello ternano

La riduzione dei costi energetici e le politiche da attuare nei confronti del mercato cinese a tutela delle acciaierie europee compresa, appunto, la realtà ternana dell’Ast. Sono le tematiche introdotte nella seconda interrogazione che l’europarlamentare della Lega Nord, Mara Bizzotto, ha depositato presso la Commissione Europea. In precedenza la Bizzotto aveva depositato una prima interrogazione riguardante il possibile accordo fra le divisioni siderurgiche di ThyssenKrupp e Tata Steel, la salvaguardia dei livelli occupazionali e volumi produttivi. Per le risposte bisognerà attendere il mese di ottobre 2016.

L’ultimo documento, elaborato dal consigliere regionale del carroccio Emanuele Fiorini e dal senatore Stefano Candiani, parte dal presupposto che “i costi dell’energia sono uno dei principali fattori determinanti della competitività del settore siderurgico europeo”. A tal proposito “la normativa dell’UE – prosegue il testo dell’interrogazione – prevede tre strumenti che mirano a proteggere le imprese europee contro comportamenti commerciali sleali, posti in essere da Paesi non UE, fra le quali le misure antidumping che risultano spesso eluse, inidonee a contrastare il volume delle importazione ed elise dal riconoscimento alla Cina dello status di economia di mercato da parte dell’UE”.

In virtù del fatto che “il Parlamento europeo con una recente risoluzione ha affermato che la Cina non soddisfa i cinque criteri stabiliti dalla UE per definire le economie di mercato”, l’onorevole Bizzotto della Lega Nord chiederà in Europarlamento “qual è l’intendimento della Commissione in ordine al riconoscimento alla Cina dello status di economia di mercato ed in caso di riconoscimento quali sono le misure che la Commissione intende porre in essere al fine di tutelare le acciaierie europee” ed inoltre “quali iniziative ha realizzato al fine di ridurre i costi energetici e qual è il loro stato di attuazione”.

“Un ringraziamento all’europarlamentare della Lega Nord, Mara Bizzotto – dicono Fiorini e Candiani – che ha recepito il nostro documento finalizzato a tenere alta l’attenzione sul tema dell’energia e del contrasto al mercato cinese. Su queste tematiche stiamo spingendo ormai da mesi e ci fa piacere vedere come anche il Pse ed esponenti locali del Partito Democratico, siano in linea con le nostre proposte relative. Adesso è arrivato il momento per la Commissione Europea di intervenire con misure serie ed efficaci a tutela dell’Ast e dell’acciaio europeo”.

Ufficio Stampa Lega Nord

Rispondi