Consiglio regionale dell’Umbria: GdF indaga su spese per Spa, fiori e cene fantasma

La Guardia di Finanza sta verificando se sono stati richiesti rimborsi per cene ed eventi mai tenuti

(UmbriaDomani) | PERUGIA – Va avanti sotto il sole ferragostano l’indagine della Guardia di Finanza sulle spese del consiglio regionale dell’Umbria. L’edizione umbra de “Il Messaggero” informa che le Fiamme gialle hanno battuto un colpo, scremando all’interno delle carte prelevate a Palazzo Cesaroni, quelle relative alle feste. Si parla di eventi organizzati in estate per gli incontri con gli elettori. Non solo feste di partito ma anche eventi e cene. La Finanza spulcia i giustificativi, con il sospetto che l’incontro possa essere stato fantasma.

Le verifiche passano anche per l’ascolto di chi è stato indicato come ospite. Intanto per le spese di Palazzo Cesaroni c’è già un fascicolo aperto per peculato ma, con gli approfondimenti, i casi si assottigliano. Restano scontrini di Spa, fiori e alberghi.

ARTICOLI CORRELATI

Consiglio regionale dell’Umbria: indagini sulle spese dei gruppi consiliari

Scandalo spese consiglio regionale dell’Umbria: chi si è perso le mutande?

Rispondi