Basta ricatti: i nominati nelle partecipate che non seguono gli indirizzi del Comune andranno a casa

Finisce (speriamo) l’era di coloro che, ottenuta la nomina dal Sindaco di Terni in qualche CdA pubblico, giocano a fare gli ‘indipendenti’, o gli ‘esperti’, e creano problemi all’Amministrazione  e al Sindaco stesso a cui devono la nomina, non attenendosi alle indicazioni del Comune che dovrebbero rappresentare

Continue reading “Basta ricatti: i nominati nelle partecipate che non seguono gli indirizzi del Comune andranno a casa”

Terremoto: “Spoleto nel ‘masterplan’ per la ricostruzione grazie a Brega. Lega e M5S difenderanno la città?”

Il PD spoletino invita Lega e 5 Stelle a non strumentalizzare i provvedimenti sulla ricostruzione e ricorda l’impegno del presidente della Seconda Commissione regionale, Eros Brega, per inserire Spoleto tra i beneficiari della legge regionale (cosiddetto ‘masterplan’) per lo sviluppo e il rilancio delle aree della Valnerina colpite dal sisma. “Il Governo centrale – dice il PD – taglia i tecnici ed esautora Comune e Regione. M5S e Lega che fanno?”

SPOLETO – Riceviamo e pubblichiamo la nota del PD – In merito alle dichiarazioni dei consiglieri della Lega Umbria, Emanuele Fiorini e Valerio Mancini in riferimento alla legge regionale sulla ricostruzione, dispiace che si strumentalizzi una vittoria di tutta la città. Continue reading “Terremoto: “Spoleto nel ‘masterplan’ per la ricostruzione grazie a Brega. Lega e M5S difenderanno la città?””

Centro commerciale Noukria di Nocera Umbra, Carbonari (M5S): “intervenire contro la desertificazione”

“La Regione risponda alla nostra interrogazione. Serve l’intervento delle istituzioni”

di Maria Grazia Carbonari, consigliere regionale M5S – Regione Umbria

L’intricata storia del Centro commerciale Noukria di Nocera Umbra è la triste metafora degli assurdi paradossi del “Modello di ricostruzione Umbria” dopo oltre 20 anni dal tragico sisma del 1997 e nonostante centinaia di milioni di euro spesi come acqua nel deserto.  Continue reading “Centro commerciale Noukria di Nocera Umbra, Carbonari (M5S): “intervenire contro la desertificazione””

Grimani: “Quirinale sbugiarda Di Maio sul presunto decreto manipolato”

Il senatore ternano commenta le dichiarazioni di Luigi Di Maio sulla presunta falsificazione del Decreto sulla ‘pace fiscale’: “Mai vista né sentita una cosa del genere”
Continue reading “Grimani: “Quirinale sbugiarda Di Maio sul presunto decreto manipolato””

CANTAMAGGIO snobbato – Costruire un evento attrattivo, che interessi e che la città senta orgogliosamente proprio

Pubblichiamo l’intervento di MICHELE ROSSI – Consigliere Comunale – Capogruppo di Terni Civica


Warning: Missing argument 2 for wp_kses(), called in /web/htdocs/www.osservatorepolitico.com/home/wp-content/themes/folium/template-parts/content.php on line 42 and defined in /web/htdocs/www.osservatorepolitico.com/home/wp-includes/kses.php on line 526

“IL THYRUS DIMENTICATO”

MICHELE ROSSI (TerniCivica) :<<IL SIMBOLO DI TERNI MERITA UN LUOGO CENTRALE DELLA CITTA’>>

“In un generale degrado circostante”, esordisce Michele Rossi Capogruppo di Terni Civica in Consiglio Comunale ” avvolto da una fitta vegetazione incolta che ne nasconde completamente la visione; è questa la triste ed indegna attuale collocazione dell’unico manufatto che rappresenta il simbolo della città di Terni (fu assurto alla fine del XIX sec a simbolo della nostra città)”
Quel Thyrus descritto da Francesco Angeloni nella sua “Historia di Terni” come fera “simile al drago, con due piedi, senz’ale e con la lunga coda ritorta”.

Quel manufatto scultoreo che rappresenta la mitologica creatura, fatto risalire dallo stesso Angeloni al XIII-XIV sec. ma che recenti studi collocano tra il sette-ottocento.
Per certo sappiamo che era presente nella raccolta Municipale delle Antichità, e che venne restaurato da Luigi Lanzi che lo impreziosì facendo apporre con caratteri gotici tutt’intorno al basamento, il motto cittadino “THYRUS ET AMNIS DEDERUNT SIGNA TERAMNIS”.

Oggi questa scultura è collocata a decoro di una a dir poco mal ridotta fontana nei giardini pubblici di Via Luigi Campofregoso, quasi abbandonata e ignorata da gran parte dei cittadini; nel rischio di diventare ogni notte possibile bersaglio di atti vandalici che ne danneggino l’integrità e la sopravvivenza; ricordo a tal proposito l’importante lavoro di restauro ad opera della Fondazione Carit nel 2016.
Rossi incalza “E’ evidente che meriterebbe un diverso posizionamento che oltre a metterla in sicurezza ne valorizzi l’importanza, la storia e il significato della sua unicità. Una nuova collocazione in un luogo centrale, pubblico e sicuro che la salvaguardi (possibilmente controllata a vista o da telecamere) la valorizzi e ne promuova l’importanza, diffondendone il valore.
Al suo posto nel giardino di Via Luigi Campofregoso dove ora è praticamente abbandonata, verrebbe collocata una copia cosi come disposto dalla Soprintendenza.
Certamente visti i costi dell’operazione e le condizioni di dissesto dell’Ente comunale, è necessario inevitabilmente far appello ai privati più sensibili che potrebbero sponsorizzarne il trasferimento.
Presenterò a breve una proposta nella II Commissione Consiliare che si occupa di politiche culturali, affinché si ragioni su possibili nuove collocazioni (penso al cortile di Palazzo Spada o una piazza cittadina) e sulle modalità con cui, se come spero lo si vorrà, si porterà avanti l’operazione, predisponendo un bando pubblico perché si trovino finanziamenti attraverso gli sponsor”

“Sono convinto”, conclude il consigliere  Rossi “che il cambio culturale (cioè la maggiore attenzione al nostro patrimonio storico-artistico e la riscoperta e promozione della storia e dell’identità cittadina) passi soprattutto attraverso piccole ma concrete e simboliche operazioni simili a questa. Nel rispetto dei ruoli e dell’esecutivo, spero che la proposta venga accolta e perfezionata nella apposita commissione e che la Giunta possa recepirla e farla propria”

DIRETTA FACEBOOK :https://www.facebook.com/michele.rossi.9615/videos/10216513645581155/

Terremoto Umbria, M5S: «La Soprintendenza blocca la ricostruzione»

Il consigliere regionale Liberati: «continuano a bocciare i progetti esecutivi. Intervenga il Governo, a rischio la rinascita dell’Appennino»

Di Andrea Liberati, capogruppo M5S – Regione Umbria

Si vuole davvero la ricostruzione?
Stando a quel che in Umbria fa la Soprintendenza A.B.A.P., sembrerebbe di no.

E’ infatti piuttosto grave la ripetuta bocciatura dei progetti esecutivi di ricostruzione da parte di chi, avendo un potere pressoché illimitato e incontrollato, respinge le proposte di ricostruzione pure su aspetti tecnici comunque pretesi dalle leggi odierne.

La Soprintendenza così perpetra un’offesa sistematica non solo contro il lavoro di validi professionisti, ma insulta soprattutto le popolazioni terremotate, appese al vaglio di chi ritiene di sapere inappellabilmente cosa sia il bello o il brutto, dopo aver lasciato costruire fino a oggi, qua e là, immobili, quelli sì, davvero ignobili –esempi non mancano di certo; dopo aver lasciato distruggere anche in Umbria innumerevoli opere d’arte, quelle sì, per mancata messa in sicurezza di depositi e chiese dopo l’agosto 2016;

dopo aver lasciato depredare e distruggere monumenti sotto la tutela di Soprintendenze che, in decenni, non hanno controllato alcunché, rispondendo sempre di nulla, senza mai una mezza sanzione da parte di alcuna autorità. I nuovi intoccabili?
Si registrano frattanto pesantissime conseguenze economiche, aggiuntive rispetto a quanto già sofferto dagli sfollati, tra banche, burocrazie e lavoro che non c’è.

E’ dunque ora di finirla, è ora, anzi, di un nuovo inizio, volto all’autentica valorizzazione dei beni e del paesaggio: è pertanto nostra cura informare puntualmente il Governo su quanto sta avvenendo negli Uffici periferici del MIBACT in Umbria, considerando che chi pensa di difendere lo status quo sta solo congelando tutto, peggiorando la situazione, impedendo che gli edifici oggetto di riprogettazione rispettino le stesse leggi vigenti, ostacolando qualsiasi residua possibilità di rinascita dell’Appennino, delle sue bellezze, del suo patrimonio umano, artistico, culturale.

Cocaina: arrestato uno dei rifornitori della “Terni bene”

Terni: il pusher vendeva la “coca” a noti e insospettabili professionisti della città

TERNI – (TerniToday.it) – Noti professionisti della città, insospettabili con il vizietto della “neve”. Continue reading “Cocaina: arrestato uno dei rifornitori della “Terni bene””

Terni / Canili: “tutelare gli animali e favorire le adozioni”

Earth Umbria chiede più controlli e protocolli d’intesa con tutti i canili per incentivare le adozioni

TERNI – “La situazione del canile di Monteargento a Terni, abbiamo letto,  è stata  ereditata ma come Earth Umbria chiediamo interventi per la salvaguardia degli animali”. È quanto afferma Niccolò Francesconi, presidente Earth Umbria, in risposta delle dichiarazioni  dell’assessore Elena  Proietti. Continue reading “Terni / Canili: “tutelare gli animali e favorire le adozioni””

ROSSI (TC): “PASSEGGIATA APERTA ANCHE DI NOTTE: RISCHI ENORMI”

Il Parco della Passeggiata rappresenta un unicum per tantissimi motivi a partire dall’eterogeneità delle varie tipologie arboree presenti da specie esotiche a piante autoctone del territorio, perchè al suo interno sono stati collocati nel passato importanti elementi provenienti da altri luoghi della città come antiche chiese e che lo stesso confina con l’importante area archeologica dell’anfiteatro romano e perchè infine nel parco sono presenti canapiglie e germani reali della famiglia delle anatre oltre ad essere popolata da varie specie di uccelli. Tutti motivi fanno si che sul parco della Passeggiata esista un vincolo espresso dal RD del 1913; e che per effetto dell’art.10 del Codice dei BB.CC come tutti i parchi pubblici è considerato Bene Culturale perché esistente come tale da più di 75 anni.

“Questo basterebbe”, dichiara Michele Rossi Capogruppo Terni Civica in Consiglio Comunale, “ a riconoscere al Parco della Passeggiata la dovuta importanza e le attenzioni consequenziali di cui dovrebbe essere oggetto”.

“Purtroppo però” denuncia il Consigliere, “da mesi non viene rispettato neanche l’orario di chiusura dei cancelli degli ingressi al parco e quindi lo stesso rimane completamente aperto anche per tutta la notte , esponendo l’intera area a possibili e incontrollabili atti di vandalismo a danno delle strutture (giochi bambini), degli alberi, degli animali e dei preziosi arredi contenuti. (alcuni dei quali recentemente restaurati come le statue sfingi e la facciata dell’ex Chiesa del Carmine)

La situazione si aggrava dal fatto che il parco non è dotato di un servizio interno di telecamere per la video sorveglianza così come sarebbe necessario e che il pattugliamento notturno da parte delle forze dell’ordine non risulta naturalmente sufficiente a prevenire completamente possibili danneggiamenti. Per la poca illuminazione e l’isolamento notturno il parco può diventare luogo idoneo allo spaccio e al consumo di sostanze stupefacenti”.

“Queste sono le motivazioni”, conclude il Consigliere di maggioranza, “che mi hanno spinto a presentare apposita interrogazione per conoscere se è nelle intenzioni e nelle possibilità di questa amministrazione assegnare nuovamente il servizio di apertura e chiusura del Parco della Passeggiata o alternativamente se sia possibile affidare tale incombenza alla Polizia Municipale, in modo da poterlo mettere in sicurezza ed evitare possibili atti di vandalismo soprattutto nelle ore notturne”